domicilio fiscale

Il domicilio in Italia è legato alla sfera personale e familiare

Il legislatore nel modificare i criteri di individuazione della residenza fiscale delle persone fisiche di cui all’art. 2 comma 2 del TUIR (ora rappresentati dal luogo di residenza civilistica, dal domicilio, dalla presenza fisica e, salvo prova contraria, dall’iscrizione anagrafica), con l’art. 1 del DLgs. 209/2023 introduce una definizione ad hoc di “domicilio” intendendosi, a questi specifici fini, “il luogo in cui si sviluppano, in via principale, le relazioni personali e familiari della persona”. La nozione di domicilio non è quindi più quella individuata dal codice civile, che all’art. 43 ricollega il domicilio al “luogo in cui la persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi”.

Sulla base di tale definizione la giurisprudenza di merito aveva precisato che, ai fini dell’individuazione del luogo di domicilio, fosse necessario tenere conto sia dei rapporti personali e affettivi, sia degli affari e interessi economici, dovendo il concetto di interessi, in contrapposizione a quello di affari, intendersi comprensivo anche degli interessi personali.

Con la modifica normativa, il legislatore ha ritenuto di dare rilievo, ai fini dell’individuazione della residenza fiscale, agli interessi di carattere personale e familiare e non a quelli di carattere patrimoniale.

Per ciò che concerne i rapporti con le disposizioni convenzionali, come evidenzia anche la circ. Agenzia delle Entrate n. 25/2023, va innanzitutto rilevato che l’art. 4 § 1 del Modello di Convenzione OCSE contro le doppie imposizioni, stabilisce che, ai fini dell’applicazione delle Convenzioni, l’espressione “residente in uno stato contraente” designa ogni persona che, in virtù della legislazione di tale Stato, è ivi assoggettata ad imposta in ragione del suo domicilio, residenza, sede di direzione o di ogni altro criterio di natura analoga.

Per l’individuazione della residenza fiscale i Trattati rimandano, in prima battuta, ai criteri adottati dalle legislazioni degli Stati contraenti.

Solo nel caso in cui le suddette normative entrino in conflitto, in quanto entrambe qualificano la persona come residente, si applica il successivo § 2 dell’art. 4 del Modello OCSE; tale norma individua, quali regole per dirimere il conflitto di residenza, il luogo di abitazione permanente, il centro di interessi vitali, il luogo di soggiorno abituale, la nazionalità, ecc.

Queste condizioni vanno verificate per grado, posto che quelle successive alla prima vanno verificate solo nella misura in cui la precedente non consenta di individuare la residenza in un solo Stato. Inoltre, il verificarsi della prima delle condizioni è sufficiente a risolvere la questione e non è necessario indagare la sussistenza delle seguenti.

I criteri convenzionali assumono una valenza autonoma rispetto all’interpretazione che gli stessi potrebbero avere nel contesto delle legislazioni domestiche; in pratica, per risolvere il conflitto occorre attribuire ai termini previsti il solo significato che ad essi è attribuito a livello internazionale, e non il significato che lo stesso avrebbe nel contesto nazionale. 

La legislazione italiana, non consentirebbe di considerare residente una persona in virtù del domicilio per il solo fatto che la stessa eserciti attività professionale in Italia e abbia qui il proprio centro di interessi economici, fermo restando che tale aspetto potrebbe determinare la presenza fisica in Italia in modo prevalente della persona e quindi farla qualificare come residente in base a tale altro parametro; un eventuale conflitto di residenza renderebbe nuovamente rilevante la sfera economica ove servisse indagare il centro di interessi vitali.

Categoria
fisco

Articoli correlati

16 luglio 2024

Il calcolo degli acconti con il concordato preventivo biennale

Il D.lgs. correttivo della riforma fiscale tornerà in Consiglio dei Ministri per l’approvazione definitiva entro la fine del mese di luglio anche se rispetto alle bozze circolate non sembrano esserci particolari differenze

10 ottobre 2023

Eliminata la Svizzera dalla black list delle persone fisiche

Il 28 luglio 2023 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 175, il decreto 20 luglio 2023 del Ministero dell’Economia e delle finanze che elimina la Confederazione Elvetica dalla black list delle persone fisiche

3 ottobre 2023

Utilizzo dei tax credit energia 2023 anticipato al 15 novembre

Tra le varie misure previste dal D.L. “Proroghe Fisco” si segnala un anticipo sull’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta energia e gas relativi al I e II trimestre 2023, in scadenza al 15 novembre e non più al 31.12.2023

28 novembre 2023

Le novità previste per gli impatriati

Lo schema di decreto legislativo sulla fiscalità internazionale, attuando una serie di norme contenute nella L. 111/2023 di riforma del sistema fiscale, propone una serie di novità sulla legislazione prevista per i lavori

14 maggio 2024

Aiuti di Stato 2020 non registrati nell’RNA

Pubblicato il 7 maggio dall’Agenzia delle Entrate il provvedimento n. 221010, relativo alla promozione dell’adempimento spontaneo da parte dei beneficiari di aiuti di Stato e di aiuti in regime “de minimis”