beni strumentali

Estromissione agevolata entro il 31 maggio

È stata prevista dall’articolo 1, comma 106, della Legge di Bilancio 2023 la possibilità per l’imprenditore individuale che, alla data del 31 ottobre 2022, possiede immobili strumentali può, entro il 31 maggio 2023, optare per la loro esclusione dal patrimonio dell’impresa, con effetto dal periodo d’imposta in corso al 1° gennaio 2023. Questa facoltà consente di estromettere gli immobili strumentali utilizzati dall’imprenditore individuale con il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’8% sulla differenza tra il valore normale di tali beni ed il costo fiscalmente riconosciuto.

Gli immobili strumentali interessati dalla citata disposizione sono quelli utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’arte o professione ovverosia dell’impresa commerciale da parte del possessore. Nello specifico, gli immobili relativi ad imprese commerciali, che per le loro caratteristiche non sono passibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni, si considerano strumentali anche se non utilizzati o anche se dati in locazione o comodato.

Per dell’estromissione agevolata, l’imprenditore individuale deve scegliere per l’esclusione dal patrimonio dell’impresa dei beni individuati ed effettuare il pagamento di un’imposta sostitutiva all’Irpef ed all’Irap, pari all’8 per cento della differenza tra il valore normale degli immobili estromessi e il loro valore fiscalmente riconosciuto.

Bisogna tenere presente in merito che tale operazione può essere imponibile o esente da Iva, in funzione del prezzo di acquisto o di costo e che, in caso di esenzione, occorre verificare l’obbligo di rettifica della detrazione per cambio di destinazione.

Per quanto riguarda l’IVA, la destinazione alla sfera privata o, comunque, estranea all’attività d’impresa, degli immobili oggetto di estromissione dà sempre luogo ad una cessione “assimilata”, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, n. 5), D.P.R. 633/1972. Perché il presupposto oggettivo sia soddisfatto, è necessario, che l’imprenditore individuale abbia detratto l’imposta assolta a monte, quindi in sede di acquisto.

Se questo non fosse avvenuto come per esempio nei casi in cui il fabbricato sia stato acquistato prima del 1973, ovvero sia stato acquistato da “privati consumatori” o per effetto dell’indetraibilità da pro-rata, l’estromissione non può dare luogo ad un’operazione rilevante ai fini Iva.

In merito a quest’ultimo caso, non vi è obbligo di emettere alcuna autofattura per carenza del presupposto oggettivo; si tratta di un’operazione “fuori campo” Iva.

Diversamente, nell’ipotesi in cui l’estromissione assuma rilevanza ai fini dell’Iva la base imponibile, secondo quanto stabilito dall’articolo 13, comma 2, lett. c), del D.P.R. 633/1972, è costituita dal “prezzo di acquisto o, in mancanza, dal prezzo di costo dei beni o di beni simili, determinati nel momento in cui si effettuano tali operazioni”.

La circolare 26/E/2016 su questo aspetto aveva precisato che la base imponibile non deve comprendere il “margine” normalmente applicato sulla cessione, ma si deve aver riguardo al costo di acquisto “attualizzato” al momento della cessione, tenendo quindi conto anche del deprezzamento dovuto all’uso. Il documento elettronico da emettere entro il prossimo 31 maggio 2023 è il TD27.

Infine, si precisa che l’estromissione non comporta l’applicazione di altre imposte indirette (registro, ipotecarie e catastali) per assenza dell’effetto traslativo della proprietà.

Categoria
adempimenti

Articoli correlati

28 febbraio 2024

Con la LIPE dell’ultimo trimestre dichiarazione IVA entro il 29 febbraio

Tramite il modello di comunicazione LIPE entro il 29.02.2024 è necessario inviare i dati delle liquidazioni IVA relative al quarto trimestre 2023 o, in alternativa presentare la dichiarazione IVA per il periodo d’imposta 2023

28 febbraio 2023

Entro il 28 febbraio la stampa dei registri contabili 2021

Entro il 28 febbraio, i registri contabili 2021 tenuti con sistemi meccanografici devono essere stampati su supporti cartacei entro 3 mesi dal termine di presentazione della dichiarazione dei redditi

5 aprile 2023

Erogazioni pubbliche percepite nel 2022: adempimenti semplificati

Per gli enti che provvedono nell’ambito della nota integrativa del bilancio, il termine entro il quale provvedere all’adempimento è quello previsto per l’approvazione del bilancio dell’anno successivo

2 maggio 2023

Le maggiorazioni del diritto annuale per le Camere di Commercio

Sul sito del Ministero delle Imprese e del made in Italy sono stati pubblicati i decreti che modificano il diritto dovuto alla Camera di commercio con una maggiorazione pari al 20% e al 50% mentre con la nota n. 339674/2022

20 giugno 2023

La proroga al 20 luglio dei versamenti per contribuenti ISA e forfetari

Il Ministero dell’Economia e delle finanze, attraverso il comunicato stampa n. 98, ha anticipato che verrà emanata una disposizione normativa che prorogherà al 20.07.2023 il termine per versare le imposte